ITA |  ENG    Newsletter

Case History

Comune di Ferrara


Il Comune di Ferrara era dotato di numerosi sistemi di videosorveglianza destinati al controllo delle aree cittadine, alcuni analogici, altri datati e poco performanti, gestiti in parte dalla Polizia Municipale e in parte dalla Polizia di Stato. L’esigenza del Comune era quella di effettuare una gestione integrata di tutta la sorveglianza cittadina facendo confluire il controllo di tutti gli impianti in un'unica soluzione, eliminando i numerosi registratori. Allo stesso tempo il comune voleva poter utilizzare le telecamere già presenti, senza dover investire nell’acquisto di nuove. Parte integrante delle necessità del Comune era quella di avere una soluzione che rendesse le immagini live e le registrazioni accessibili facilmente e in tempi brevi sia alla Polizia Municipale che a quella di Stato che ai Carabinieri, incaricate di monitorare la sicurezza cittadina, ad esempio durante indagini e operazioni strategiche.


Dopo un’attenta valutazione delle esigenze e delle soluzioni presenti sul mercato l’amministrazione comunale ha ritenuto che E-Surveillance, la VSaaS di TIM, basata su eSurv Cloud e l’infrastruttura cloud Nuvola Italiana di TIM fosse la soluzione ideale per rispondere ai bisogni espressi.


Essendo una piattaforma completamente web based, può essere utilizzata tramite qualsiasi device, fisso e mobile, senza installare alcun client: gli utenti, anche contemporaneamente, possono visualizzare le immagini sia live che registrate, cercare ed esportare le registrazioni. Polizia di Stato e Carabinieri hanno dunque la possibilità di accedere alla piattaforma non appena ne hanno l’esigenza, semplicemente collegandosi con la propria username e password al servizio, senza aspettare di dover installare software client.

La tecnologia di eSurv alla base dell’offerta di TIM offre, in un unico software, 100% italiano, consente al Comune di registrare e gestirei flussi video delle telecamere già presenti, tutto in un’unica soluzione centralizzata, eliminando i numerosi registratori che richiedevano un’assistenza continua, per la verifica del corretto funzionamento.

E-Surveillance inoltre permette al Comune di aggiornare e potenziare la propria videosorveglianza con un percorso “a step”: partendo da 16 telecamere iniziali, nel giro di poche settimane il Comune ha ampliato il progetto sino a circa 30 telecamere, con l’intento portare in cloud tutte le telecamere presenti sul territorio cittadino (che sono circa 100), nei prossimi mesi.

Il Comune ha potuto riutilizzare tutte le telecamere presenti, proteggendo gli investimenti fatti negli anni.
ESurveillance inoltre consente al Comune di gestire tutte le telecamere presenti sul territorio, attraverso un unico sistema, senza doversi dotare di hardware in locale, beneficiando dei vantaggi del cloud, quali abbattimento dei costi di gestione, sicurezza delle registrazioni e rapidità di deployment.

Il Comune ha espresso l’esigenza di usufruire dello Smart Plug-in Lettura Targhe di ESurveillance, utilizzando le telecamere già in suo posesso. Un vantaggio che solo ESurveillance garantisce perché la lettura targhe non avviene sulla telecamera (come per le altre soluzioni presenti sul mercato, che costano migliaia di euro), ma nel cloud di TIM.

Il 30 marzo 2017 Il sistema di videosorveglianza del Comune di Ferrara, basato su ESurveillance (la VSaaS di TIM su eSurv Cloud), è stato premiato come "eccellenza italiana modello di innovazione per Pubbliche Amministrazioni" all'incontro SMAU a Padova, evento di riferimento nei settori dell'innovazione e del digitale per imprese ed enti locali.
Scopri di più sulla pagina SMAU dedicata al premio.